Food & wellness - R&D - Testing - Waste & enviroment

WORKSHOP: PROSPETTIVE E SVILUPPO SOSTENIBILE PER IL SETTORE AGROALIMENTARE

Il mercato dei prodotti alimentari è sempre di più influenzato da trasformazioni sociali, cambiamenti nelle abitudini, stili alimentari e dai ritmi di vita. L’Industria alimentare italiana viene oggi incontro alle esigenze dei consumatori mettendo loro a disposizione prodotti per ogni occasione, che consentano all’utente di compiere scelte consapevoli e adatti a soddisfare le diverse necessità nutrizionali per una dieta adatta al proprio stile di vita.

Gli stessi consumatori, soprattutto quelli italiani ed europei, sono sempre più consapevoli del valore intrinseco di ciò che scelgono: dalle materie prime agli aspetti tecnologici, alla sostenibilità etica e ambientale, senza sottovalutare gli aspetti legati al servizio, alla logistica ed al packaging.

Il Workshop nasce come piattaforma d’incontro, di dialogo e business tra industria, mondo della ricerca, sistema delle start-up, attivi nel settore Agroalimentare. E’ promosso dall’ Istituto di Sicurezza & Legislazione Alimentare con il contributo di Università degli Studi di Firenze. Si svolgerà a Firenze, Venerdì 18 novembre 2016 ore 9,30 presso la Sala Blu del Centro servizi e formazione Montedomini “Fuligno” in via Faenza 48, Firenze.

L’ Istituto di Sicurezza & Legislazione Alimentare e l’Università degli Studi di Firenze hanno condiviso un principio comune: “… Offrire visibilità ed opportunità di conoscere i canali di business e networking, creando specifici forum di discussione e dialogo tra stakeholder pubblici e privati e mettendo a loro disposizione gli strumenti di ricerca e sviluppo sostenibile presenti sul territorio toscano … ” .

Con il progetto “Faber”, già promosso in Toscana dall’ Ente CR Firenze, in collaborazione con la Fondazione per la Ricerca e l’Innovazione e Confindustria, si è dato avvio alla sinergia tra mondo accademico e imprese, inserendo i ricercatori nelle aziende per favorire lo sviluppo di attività ad alto impatto innovativo. La partnership con la Fondazione Ricerca e Innovazione permetterà adesso di effettuare il matching Università-Impresa, per dare avvio a un efficace percorso di R&S anche nella piccola e media impresa.

In Italia negli ultimi 5 anni sono in aumento dottori e dottorandi extraeuropei e cresce il numero degli addetti nella ricerca e innovazione sul totale della forza lavoro (8,8 addetti alla ricerca ogni 1.000 occupati contro 10,4 dato medio UE). Rimangono invece bassi il numero di brevetti e dei ricercatori che operano nell’ambito delle imprese (Comunicato stampa 29/9/2016_ UniFi). Per questo è necessario finalizzare lo sviluppo di nuovi prodotti o di nuove funzioni d’uso di prodotti già esistenti anche nel settore Agroalimentare al fine di garantire una crescita della realtà aziendale risvegliando e realizzando la propria imprenditorialità (wake UP- start UP ).

Tre i punti di forza che si possono generare:

– Favorire una produzione alimentare sostenibile e competitiva

– Rafforzare la fiducia del consumatore verso la filiera alimentare

– Migliorare la salute ed il benessere.

E’ previsto il rilascio di un attestato di partecipazione.

Locandina dell'evento

Articoli collegati